La danza del ventre è facile o difficile?

Un quesito spinoso ma molto sentito!

La danza del ventre è facile o difficile? Questa è una domanda che ogni tanto mi viene posta da persone incuriosite da questa danza, e io stessa mi interrogo spesso sull’argomento.

Questo perché mi capita a volte di avere allieve magari non più giovanissime,  e quindi dubbiose sulla propria capacità di intraprendere questa avventura con buoni risultati.

Io stessa mi sono iscritta al mio primo corso di danza del ventre (quindi da allieva) quando avevo 35 anni… Praticamente io ho iniziato all’età in cui ballerini classici smettono di danzare!

Ovviamente alla base della questione c’è la convinzione che più una disciplina è difficile e impegnativa, più occorre essere giovani per poterla imparare!

Con questo articolo vorrei quindi fare luce sull’argomento, puntualizzando alcuni concetti essenziali che ti aiuteranno a formarti una tua idea.

Per rispondere a questa domanda occorre in realtà partire da un’altra domanda, che guiderà tutto il discorso.

Ovvero: Quali sono gli elementi di cui si costituisce una danza? E in particolare, di quali elementi è fatta la danza del ventre?

Le risposte a queste domande ci aiuteranno a capire meglio cosa è facile e cosa è difficile, e il rapporto tra età della ballerina e danza del ventre!

Personalmente credo possiamo individuare 3 elementi strutturali della danza del livello, ciascuno corrispondente a un livello di complessità e approfondimento. Vediamoli in dettaglio. Continua a leggere “La danza del ventre è facile o difficile?”

Annunci

Un’idea per una coreografia di drum solo facile facile

Questo articolo è dedicato a una brevissima coreografia di percussioni che ho creato per le allieve principianti del corso di danza del ventre dello scorso anno.

Eravamo quasi alla fine del corso, quindi ho volutamente selezionato dalla mia cartella di musiche un brano cortissimo, probabilmente un frammento proveniente da Helm el Raqs (così pare dal titolo del file).

Un minuto di adrenalina facile da imparare in 2/3 lezioni, oltre che relativamente semplice da danzare in pubblico.

L’obiettivo che mi ero posta, infatti, era di dare alle allieve la chance di sperimentare un diverso tipo di sonorità ed espressività rispetto alla coreografia principale che stavamo studiando, leggermente più morbida e varia.

Avevo a disposizione poco tempo, e un inventario di movimenti abbastanza ridotto trattandosi di un corso base.

Come ho risolto?

Semplice, in pratica ho selezionato gli stessi movimenti già studiati e utilizzati nel primo pezzo, aumentandone la velocità e rendendoli più scanditi ed energici.

Non ho aggiunto elementi nuovi di danza del ventre, per non rischiare di metterle in difficoltà proprio prima del saggio. Devo dire che ha funzionato abbastanza, e il pezzo è risultato molto carino da vedere (per quanto rapidissimo!).

Ecco quindi la coreografia danzata da me

Nel video ho inserito un paio di modifiche rispetto all’originale insegnato alle allieve. Ovvero qualche rielaborazione a livello di braccia e una variante a livello dei fianchi, quest’ultima più che altro dovuta a un improvviso vuoto di memoria della sottoscritta!

Enjoy it!

Continua a leggere “Un’idea per una coreografia di drum solo facile facile”

Come migliorare la coordinazione e stimolare la fantasia con un semplice esercizio

Ecco un altro video allenamento per te

Questo video è dedicato a un passo molto importante della danza del ventre, con alcuni spunti per adattare questo tipo di lavoro anche ad altri passi e crearti così le tue sequenze in maniera autonoma.

Una volta che hai imparato a eseguire un determinato movimento a livello base, lo step successivo è infatti quello di perfezionarlo rendendo l’esecuzione un po’ difficile e aumentando la sua complessità.

Puoi chiaramente giocare con vari aspetti tipo velocità, direzioni, ampiezza del movimento ecc.

Oltre a questi metodi, c’è un altro sistema che a me piace molto e che è fondamentale anche per prepararsi al lavoro coreografico.

Allenamento “combo in simultanea”. Come funziona?

Il procedimento è questo:

  • Scegli 1 passo tra quelli che conosci (passo arabo, incrociato, chassé ecc.) – solo uno mi raccomando!
  • Aggiungi in contemporanea un altro movimento che realizzi nello stesso momento usando altre parti del corpo (es. fianchi, petto, spalle ecc.)
  • Ripeti questa “combinazione simultanea” più volte sulla musica, eventualmente alternando destra e sinistra (se pertinente)

Un esempio pratico di questo tipo di allenamento lo trovi appunto in questo video registrato nel mio studio, e che ti guardare e fare assieme a me.

Enjoy it!

(Inizio dell’allenamento: vai al minuto 2.04) Continua a leggere “Come migliorare la coordinazione e stimolare la fantasia con un semplice esercizio”

Mini video per ripassare l’otto orizzontale

Sempre per la serie “Danza con me”, ecco a grande richiesta di alcune allieve del mio corso base un breve allenamento utile per fare pratica con la tecnica dell’otto orizzontale di bacino avanti e indietro.

Per rendere la sessione di studio un po’ più completa, ho aggiunto anche una parte di shimmy di bacino e una sequenza finale con il cerchio sempre di bacino.

L’obiettivo è appunto di fornire alle mie ragazze, e ovviamente a te che leggi, un aiutino per il ripasso a casa.

L’ideale è di ripetere questo video almeno 2-3 volte visto che dura pochissimi minuti. Il cerchio e lo shimmy servono in questo caso come “stacco”, ovvero come riposo dall’otto, che certamente è un movimento più intenso e impegnativo anche a livello di schiena.

Bene, guardati subito il video e poi torna sul blog dove trovi alcuni suggerimenti importanti per eseguire correttamente l’otto orizzontale evitando alcuni errori purtroppo molto diffusi (brutti da vedere e dannosi anche per il fisico).

Come funziona l’otto orizzontale

Continua a leggere “Mini video per ripassare l’otto orizzontale”

Accenti di fianchi: nuovo mini video di allenamento

Potenziamo i movimenti dei fianchi

Premessa: Non sono certa di riuscire a mantenere la promessa di pubblicare ogni lunedì sera un nuovo video allenamento. Mannaggia!

Ho tantissimo materiale quasi pronto che non vedo l’ora di registrare, ma tra danzare davanti a uno specchio in studio e danzare davanti a una videocamera accesa… beh, c’è un po’ di differenza.

In realtà, come per tutte le cose ben fatte ci vuole tempo, che non sempre ho a sufficienza per questo tipo di cose. Ma intanto partiamo.

Ecco dunque qui il primo video girato proprio di lunedì. Sono partita con un semplicissimo allenamento per i principali movimenti accentati di bacino.

Parliamo quindi di colpi laterali, hip drop e hip lift

L’obiettivo di questo video è di:

  • Aiutare le mie allieve a ripassare questi movimenti, attraverso una sequenza danzata in cui li ripetiamo più volte
  • Permettere a chiunque lo guardi, quindi anche a te, di esercitarsi per migliorare i movimenti (es. renderli più precisi, chiari, personalizzati)
  • Farti percepire bene la differenza tra accento di fianchi verso l’esterno, accento verso il basso e accento verso l’alto

Continua a leggere “Accenti di fianchi: nuovo mini video di allenamento”